fbpx

Con l’estate vien facile abbandonare le attività in palestra per dedicarsi all’ esercizio fisico all’ aperto; attenzione però a muoversi nel modo corretto e a riconoscere i segnali del nostro corpo.

Le temperature alte ed il clima molto umido possono mandare in tilt i sistemi di termoregolazione del copro e l’eccessiva perdita di acqua ed elettroliti attraverso il sudore può affaticare eccessivamente il fisico. Chi si dedica ad attività di endurance (tipo la corsa) deve considerare anche la deplezione delle riserve energetiche che sono il carburante per il runner.

Infatti le attività di endurance sono attività a grande dispendio energetico che risentono molto delle condizioni ambientali: informarsi per integrare adeguatamente il corpo nel pre allenamento è importante.

Una particolare attenzione va prestata anche all’abbigliamento; è necessario utilizzare abiti con fibre traspiranti, leggere, chiare e magari proteggere il capo con un cappellino ed utilizzare sempre filtri solari.

Per quanto riguarda l’intensità, è bene adeguarsi al clima e quindi ridurre la velocità di esecuzione o di corsa.

Non bisogna sottovalutare i segnali del corpo : nausea, vomito, sudorazione eccessiva, gambe deboli, frequenza cardiaca troppo alta, confusione mentale.

Ricordarsi di allenarsi in situazione di piena  riserva energetica, di sali, carboidrati ed idratati.

Per quanto riguarda gli orari è meglio scegliere gli orari del mattino o del tramonto quando il sole cala e si ha una temperatura un pò più bassa.

Per quanto riguarda lo stato di allenamento è bene partire per gradi e fare riscaldamento e stretching al termine della seduta.

Per chi ha deciso di prendersi una pausa anche dalla nostra palestra per dedicarsi alle attività all’ aperto vi ricordiamo di  rimanete sintonizzati per sapere quali novità vi aspettano con la prossima stagione!

Pianeta Postura, corsi di Pilates,Yoga e Pilates st

udio!